Gli Altavilla

                                   Gli Altavilla

 

Gli Altavilla sono stati una delle famiglie più importanti e influenti del popolo dei Normanni. La dinastia reale è stata originata da Tancredi conte di Hauteville (oggi Hauteville-la-Guichard) in Normandia (IX secolo), i cui figli intrapresero la conquista e l’unificazione politica dell’Italia Meridionale.

Questa unificazione fu conclusa nel 1130 da Ruggero II, che unì al proprio dominio tutti i feudi normanni nel Mezzogiorno (Principato di CapuaDucato di Napoli ) costituendo il Regno di Sicilia. Un Regno che si estendeva a CorfùMaltaGozo e a tutta la costa dell’Africa settentrionale, compreso l’entroterra tra Bona e Tripoli.

Alleati del PapaBoemondo IRuggero II e Guglielmo II d’Altavilla furono fra i capi delle prime tre crociateBoemondo I, primo Duca di Puglia e Calabria – protagonista della prima Crociata, si impadronì del Principato d’AntiochiaTancredi, segnalatosi alla presa di NiceaAntiochia e Gerusalemme, ebbe in feudo il Principato di Galilea e Tiberiade ed il Tassolo celebrò nella Gerusalemme liberata.

Ultima degli Altavilla fu Costanza (1154-1198) – figlia postuma di Ruggero II, “Rex Siciliae et Italiae” – che sposò Enrico VI, Re di Germania ed Imperatore ed ottenne la successione al Regno di Sicilia. Morto Enrico, regnò in nome del figlio Federico II, poi Re di Sicilia, di Germania ed Imperatore.

Altre famiglie normanne giunsero in Sicilia al seguito degli Altavilla, e in particolare al seguito di Ruggero I in occasione della conquista dell’isola. Tra le famiglie normanne più importanti vicine a Ruggero I, ai cui membri furono assegnati feudi nelle vicinanze delle proprietà del sovrano nei pressi di Mileto e nella Sicilia orientale e centrale, troviamo i De Luci, i Mortain, i Culchebret e gli Avenel , o quelle “normannizzate” come i Borrello di stirpe franca.

Le altre famiglie che discendono dagli Altavilla sono Mazzarino, i Ruggieri di Salerno, i Gesualdo, i Loffredo, i Ventimiglia, i Rosso. Come simbolo araldico adottarono il leone. gli Altavilla erano i maggiori alleati del papa

Ruggiero 1

Ultimogenito di Tancredi d’Altavilla a metà dell’XI secolo raggiunse in Italia il fratello Roberto il Guiscardo. Qui combattè al suo fianco per la conquista del sud e nel 1059 ottenne il castello di Mileto (in Calabria) dove stabilì la sua residenza.

A Natale del 1061 sposò Giuditta d’Evreux.

Nel 1062 ottenne da Roberto parte della Calabria presa ai Bizantini.

Nel 1071 conquistò Palermo e assunse il titolo di Gran Conte di Calabria e di Sicilia, come vassallo del fratello Roberto (duca di Puglia).

Nel 1081 chiese ed ottenne da Papa Gregorio VII la fondazione della diocesi di Mileto.

Alla morte di Roberto il Guiscardo, avvenuta nel 1085, diventò il vero sovrano del regno normanno.

Donò a Brunone di Colonia i terreni dove il santo fondò nel 1091 la certosa di S. Stefano del Bosco (Serra San Bruno). Nel 1098 ottenne da Papa Urbano II l’Apostolica legatia” cioè il potere di nominare vescovi.

Morì il 22 giugno del 1101 a Mileto e si fece seppellire nell’Abazia della SS. Trinità ove fu sepolta anche la seconda moglie Eremburga.

In politica estera mantenne buoni rapporti, anche commerciali, con i paesi africani e con le potenze che operavano nel Mediterraneo.

Il suo regno fu consolidato e ingrandito dal figlio Ruggero II (nato dal suo matrimonio con Adelaide del Vasto) favorito in ciò dalla politica paterna.

 

Il gruppo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...